in Vita Vissuta

incendio in un canile di Bari, aiutiamo i sopravvissuti

Più di 100 cani, sopravvissuti ad un incendio, hanno urgente bisogno di cure sanitarie, cibo e ospitalità.

L’incendio è divampato ieri in una struttura abusiva adibita a canile, pensione, allevamento, e vendita di cani, a Torre a Mare (Bari). Accorsi sul posto per aiutare, i volontari della sezione LAV barese, si sono trovati davanti ad una realtà  indescrivibile: cani ammassati, alcuni legati a pedane di legno, melma di feci dappertutto, carne cruda come cibo buttata sul terreno, cani malati di leishmaniosi, cani senza pelo, alcuni ciechi, cuccioli in gabbie per conigli.

Una situazione insostenibile. Anche prima dell’incendio.

Nell’emergenza, la priorità  è stata quella di salvare la vita dei cani, i volontari della la LAV di Bari e della Lega del Cane, hanno messo in salvo 60 cani, altri 50 sono salvati dalla ASL. Ma nella struttura c’erano più di 200 cani, purtroppo sono almeno 25 le vittime e il numero potrebbe salire nelle prossime ore (i soccorsi sono ancora in atto).

Circa 100 cani sono ancora li, in una condizione di completa emergenza. Occorre trovare per loro una nuova sistemazione. E garantire cure mediche. Al più presto.

Per aiutarli abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Anche del tuo.

Se hai la possibilità di offrire cure sanitarie e/o ospitalità temporanea (per chi abita in zona o è in vacanza in Puglia) ad almeno uno dei cani sopravvissuti, mettiti in contatto direttamente con i volontari che stanno gestendo l’emergenza:

LAV di Bari: 080 5560618 – 348 0618270

Lega del Cane: 340 9119789

La LAV sta seguendo il caso anche sotto il profilo legale: la struttura era abusiva e sovraffollata e i cani vivevano in condizioni indescrivibili. L’Ufficio Legale LAV sta valutando le azioni opportune da portare avanti.

AIUTACI ANCHE A FAR GIRARE QUESTO APPELLO, inoltra la mail ai tuoi contatti. Maggiori saranno le persone informate, maggiori probabilità ci saranno di riuscire ad aiutare tutti i cani, che hanno bisogno di noi per sopravvivere.

LINK: LAV nella tua regione.

  1. Ho visto il servizio sul canile in tv. Situazione penosa. Ma ogni volta che leggo questi appelli non riesco a fare a meno di pensare che nello stesso istante ci sono milioni di persone che stanno peggio di quei cani e nessuno fa nulla per loro.
    nessun appello.nessuna denuncia.
    soli come cani, anzi peggio dei cani.
    :-/

  2. E allora cosa dovremmo fare, rimanere imdifferenti di fronte a tanta sofferenza. Ciascuno decide di impiegare le proprie forze in quello in cui crede…
    E poi non è vero che nessuno si occupa delle persone che stanno male, il problema e che sempre più spesso facciamo finta di non vedere certe brutte situazioni e giriamo la testa, è l’omertà il problema più grosso.

  3. Prima ancora che la cosa degeneri voglio premettere che Franco è persona sensibilissima e che il suo quesito è che spesso cadiamo nella trappola della “emergenza del giorno” e non ci accorgiamo che questa è in atto da decenni in parti del mondo diverse dalla nostra e con una intensità che noi neanche possiamo immaginarci.

    Insomma, beati noi a poterci preoccupare “solo” di un canile quando ci sono migliaia e migliaia di problemi – sfortunatamente – più pressanti !

    Prego dare peso alle enfasi, grazie !

  4. Io non mi sarei mai permessa di far degenerare la discussione,per me non si tratta dell’emergenza del giorno visto che costantemente mi aoccupo del problema cani…siete tanto bravi a dare dei giudizi sull’importanza dell’argomento ci sono cose più importanti ma a parte le parole cose fate per migliorare la situazione della gente sola come “cani”.

  5. scusami caro/a … a priori tu cosa puoi sapere di quello che io o Franco facciamo per il “sociale” ?

    se poi non fossimo sensibili alla cosa, pensi che avrei pubblicato lo stesso l’appello ?

  6. Rispondo a diamante 75 ( ma che bel nick ) 🙂 mi piace davvero..mi ricorda una canzone di zucchero con de gregori…cara diamante 75 io ho espresso una mia libera opinione. ho scritto quello che penso . quello che ho pensato leggendo le righe di Koolinus. Il fatto che la pensi diversamente da te non significa che non possa esprimerla.Per quanto mi riguarda un sano scambio di opionioni non è mai “degenerare”. Se vuoi sapere cosa faccio a parte scrivere sul blog di Koolinus per migliorare la situazione della gente sola come cani il mio indirizzo su msn è : hermano61@hotmail.com
    aggiungimi ai tuoi contatti e ne parliamo 🙂
    Nessuno tocchi Caino ! ( che sarei io ):-))
    ps.non so perchè hai pensato che io fossi indifferente..non lo sono…ma mi rendo conto che ci sono cose che spesso passano inosservate che sono ben piu’ tristi di un cane arrostito :-)Poi come giustamente dici ognuno decide di impiegare le proprie forze in quello che crede. Verso ognuna di queste persone che credono in quello che fanno e impiegano forze e tempo , va il mio rispetto e la mia stima.
    baci come se piovessero….

  7. no scusate vorrei chiarire..io volevo solo dire che si ci sono situazioni molto pecarie per gli esseri umani ma non per questo bisogna necessariamente sminuire a tutti i costi un problema che riguarda gli animali.
    Oggi è successo questo al canile io ci sono,domani succede un’emergenza umanitaria ci sono lo stesso perchè io non faccio distinzione se qualcuno ha bisogno di aiuto. Perchè dobbiamo per forza decidere cosa è più importante…dobbiamo aiutarci e basta!

  8. A volte tante parole non servono a nulla, l’aiuto serve concreto. Io sono volontaria del canile della mia città dove ho adottato un cane da 3 anni. Profondamente scioccata per quanto successo a quei poveri angioletti ho adottato a distanza un superstite. Se potete, fatelo anche voi, la cifra è veramente irrisoria ed un gesto d’amore riscalda il cuore.

I commenti sono chiusi.