letture suggerite del 7 luglio 2024

letture suggerite del 12 maggio 2024

Rallenta

rallenta

A livello questo 2024 si sta mostrando particolarmente intenso per me, per la mia famiglia.

Ancor più che negli anni passati sto cercando di far mio il pensiero di una vita lenta, incentrata sul presente, non facendomi soffocare dal futuro e da quello che può venire. Il passato è passato, e grazie a dio ho fatto pace con tutti i miei errori e cerco di rimediare (fallendo ogni tanto, ma pazienza).

Rallento. Respiro. E provo ad essere gentile con me stesso, dopo esserlo con gli altri.

Sii gentile col tuo cuore

(le immagini sono di @tonnart_)

Ti auguro una buona giornata!

Raccontarsi in modo nuovo

Social media is a vehicle for emotional contagion, and it seems socially irresponsible to use it as a space for therapy. But I don’t believe it should be a fake shiny space of airbrushed inspo.

As I search for a middle ground, it suddenly struck me: what if I tried, in all areas of my life – offline, online, at work, at home, with strangers, with my mum – to be who I am when I’m with my kids? A person who strives to be emotionally honest, yet control her sloppiest impulses? A person who explores what’s happening in the world, yet always tries to suggest that we have the power to change it? A person who, above all, defaults to kind?

Molly Flat, Offscreen Magazine #23

COSE CHE HO IMPARATO

It matters how you treat people. Even if it’s a rejection, let them down lightly and politely. It might not be the last time in life you encounter them. People will remember how they felt when you spoke to them last.

Anjali Ramachandran

Ho trovato questo ‘consiglio di vita’ nelle ultime pagine della rivista Offscreen Magazine n°19 di un paio di anni fa. E sono ragionevolmente sicuro di essere stato esposto a questo concetto in altre occasioni.

Nella vita, ma sopratutto sul lavoro, dobbiamo sforzarci di essere sempre gentili e – possibilmente – comprensivi quando ci relazionamo al prossimo. In primo per una forma di rispetto altrui, in seconda perché davvero potremo essere noi quelli ‘dall’altro lato’ al prossima volta e nella maggior parte dei casi verremo trattati così come abbiamo trattato l’altro.

Questo approccio, in linea generale, vale anche quando hai a che fare con un processo di acquisto on-line. Se stai bene nelle procedure di acquisto e scoperta di un servizio, sarai senz’altro più a tuo agio nell’effettuarlo nei modi e nei tempi che più ti si addicono. Con un reciproco beneficio del venditore e dell’acquirente, non credi?

Sono qui

Sono Qui è un progetto dell’artista venezuelano Fernando Cobelo che si è concretizzato nella realizzazione di un libro che rende omaggio a noi Italiani ed al nostro Paese, ma sopratutto alla gentilezza delle persone con cui ha avuto a che fare e che lo hanno accolto quando si è trasferito nel nostro “bel Paese”.

Dieci storie intime e personali, raccontate da dieci persone (distinte e distanti) che hanno scelto l’Italia come nuova “casa”: patria adottiva da cui farsi abbracciare e condurre per mano verso giorni migliori. Voce tra le più apprezzate dell’illustrazione contemporanea (già noto per la sua recente collaborazione con la casa editrice Zingarelli), Fernando Cobelo ha realizzato una nuova opera editoriale: un gioiellino che brilla per ricerca grafica e concetto, dedicato a tutti coloro che sono partiti per approdare nel nostro Paese.

Sky Arte

Immediatamente il concept mi ha catturato, e mi sono fiondato nell’acquisto dell’opera volendo supportare l’Autore.

Infine non posso non menzionare il lavoro del fotografo, video-maker, architetto e amico Lorenzo Morandi, conosciuto negli ultimi mesi, di cui sia i lavori personali che quelli professionali realizzati con il suo studio YourStory non cessano mai di emozionarmi.

Letture suggerite del 18 ottobre 2020