Il lavoratore deve essere precario

Una volta, ma è una rimembranza vaga, ricordo la voce di mio padre borbottare qualcosa sul Capitale che illude il lavoratore di poter accumulare risorse tali da consentirgli di galleggiare, ma esse si esauriscono rapidamente e dunque egli affonda. Il lavoratore per poter galleggiare deve essere versatile, disposto a cambiare, rapido. II lavoratore deve essere precario. Il sistema guadagna sugli spostamenti, o sui dislivelli, i gradienti. Perestrojka! mi si rivela oggi come il grande esercizio di vivere con la partita Iva.

Chiara Valerio

letture suggerite del 2 aprile 2023

LE AZIONI VINCONO SULLE DISCUSSIONI

You can’t convince someone invested in their convictions to the contrary by arguments alone. Only actions can pry open a locked mind, and most minds remain locked most of the time. So if you wish to be persuasive, you ought to spend less time arguing and more time doing.

David Heinemeier Hansson

Dall’articolo più recente del blog / newsletter di David (co-fondatore della famosa azienda 37signals, Basecamp, Hey ed inventore del linguaggio di programmazione Ruby on Rails) ecco una bella citazione ‘motivazionale’ ad incitare chi lo legge a fare piuttosto che discutere.

(o meglio, piuttosto che perdere tempo a discutere)

Che si abbia torto o ragione, niente di più semplice della prova della realizzazione pratica di un’idea o un oggetto ci riesce a guidare e a riformulare le nostre ipotesi e rimettere a fuoco i nostri obiettivi. Un consiglio semplice, ma potente se ci pensi!

Lavorare meno, lavorare meglio?

Nei miei “giri” nelle ultime settimane sento sempre più spesso parlare dell’efficacia (o meno) e dell’opportunità (o meno) di ridurre la settimana lavorativa a sole 4 giornate.

Alcuni studi stanno riportando l’efficacia sociale per i dipendenti, ed il mantenimento della produttività e della redditività delle Aziende che la propongono.

will_ita — profilo Instagram dedicato all’informazione e all’approfondimento — giusto ieri ha postato le immagini che qui riporto, in merito ad uno studio condotto dalla prestigiosa Cambridge University.

Il modello è chiaramente riferito al mondo di lavoro anglosassone, che risulta essere particolarmente stressante, ma non vedo perché non possa essere adottato anche da noi — anche nel settore pubblico — garantendo ‘il servizio’ tramite turni a rotazioni del personale. Penso che ne guadagneremmo tutti in salute … no?

letture suggerite del 12 febbraio 2023


Un po’ in ritardo oggi, chiedo perdono.

Un tempo eravamo immortali

Vogliamo lavorare poco, goderci la vita – abbiamo scoperto solo recentemente che si vive una volta sola, prima pensavamo di essere immortali, evidentemente –, guadagnare molto (perché che cazzo ci faccio con 1.700 euro?), vivere in posti meravigliosi e possibilmente con un bel clima, trovare un sistema scolastico perfetto e non usare mai più la parola “sacrificio”, che la vita è già difficile così.

Cristiano Carriero