di spade luminose e panni da lavare

È triste entrare in un negozio di giocattoli e rendersi conto che un bambino può essere astronauta, cavaliere, guerriero, pilota di droni, di aerei, campione di ciclismo, costruttore con i lego…ecc. ecc.???? mentre una bambina può: cucinare, stirare, cucire, lavare stoviglie, accudire la casa e le sue bambole.?‍♀️?
Padri e madri, aprite i vostri orizzonti, comprate alla vostra bambina una spada luminosa perché possa salvare il mondo, una macchinina, un pallone da calcio, una bicicletta…ossia qualcosa che le faccia sapere e sentire che può essere tutto ciò che lei vuole?.
Insegnate che chi lava i piatti è chi li sporca, che il celeste non è soltanto il colore per i maschi e che il rosa non è soltanto per le femmine, insegnate ai figli maschi che cucinare può essere incredibile! Lavare piatti, stirare, occuparsi della casa sono faccende importanti che devono essere suddivise tra tutti i componenti la famiglia?.
Tanto i maschi quanto le femmine sognano di cambiare il mondo e di essere gli eroi delle loro fantasie…non spezziamo queste illusioni!??.

via Facebook

Siamo il paese del populismo invidioso.

Noi non vogliamo il potere di migliorare questo paese, vogliamo quello di farlo fallire. Se non abbiamo qualcosa, vogliamo che non ce l’abbiano tutti invece di provare a creare un diritto a cui possa accedere chiunque. Il miglior esempio di questo folle atteggiamento è la lotta contro l’aborto. Chi non è d’accordo sul fatto che esista, non si limita a non abortire: pretende che l’universo mondo non lo faccia. Togliere – ad esempio i negozi aperti di domenica – per noi è più importante che aggiungere, migliorare, allargare il campo delle possibilità.

È un po’ come se io non potessi comprarmi mobili ed elettrodomestici per la mia abitazione, ma mi sentissi soddisfatto nel momento in cui qualcuno li sequestrasse dalle case dei miei vicini. La mia condizione non migliorerebbe, ma peggiorerebbe quella dei miei simili. Vale per la politica, vale per il lavoro, vale persino nelle situazioni sentimentali (se la mia ex o il mio ex mi lasciano e io soffro, sono felice se vengono mollati a loro volta). Siamo un popolo di egoisti autolesionisti.
Boris Sollazzo

Il pezzo di Sollazzo era riferito alle reazioni medie della intellighenzia italiana sul caso Roma, il film di Alfonso Cuaròn che ha vinto il Leone d’Oro a Venezia pubblicato su Rolling Stones. Trovo assolutamente vera la parte qui riportata, indipendentemente dal resto dell’articoloche può essere d’interesse o meno.

Il politico non dovrebbe essere uno di noi, a caso

Quando state male, cercate un medico a caso oppure il medico migliore che sia raggiungibile? O per i vostri figli, sperate in un buon insegnante ed in una buona scuola, oppure in una qualsiasi?

Non voglio una rappresentazione omogenea della società, in Parlamento ed al Governo. Non voglio una percentuale uguale a quella del bar sotto casa di ladri e disonesti, di ignoranti o razzisti.

Voglio persone degne di stima, di fiducia.

Alessandro Ronchi ☞

Non alimentiamo la fogna dei social

Cerchiamo di sforzarci ad essere noi stessi migliori ogni giorno, rifiutiamo le risse nel fango e teniamo sempre rigida la barra dell’indignazione. Ma non evitiamo di fare il gioco chi di sa sfruttarla per farsi pubblicità, perché è proprio così che i fascioleghististellati sono andati al Governo del nostro Paese, e non sarà la stessa violenza in direzione opposta e contraria a farci migliorare le cose.

Alessandro Ronchi

Sono settimane che volevo scrivere qualcosa a riguardo … l’amico Alessandro mi ha levato dall’impiccio di farlo. Grazie.

piccole considerazioni a margine

Siamo ciò che facciamo, non quello che promettiamo di fare.

Usatissima e inflazionata frase on-line, tanto da non esser stato in grado di risalire velocemente all’autore originale, questa citazione mi pare un punto cardine degli attuali problemi sociali italiani (e non).

Quando il bisogno di gentilezza, empatia, rispetto altrui sembrano più necessari che mai … la somma delle ‘emozioni di pancia’ del cosiddetto popolo vanno in tutt’altra direzione tra maschilismo, razzismo, “noi” prima di “loro”. E ancora non capiamo che c’è solo il “noi” contro l’ineluttabilità della vita che è un regalo prezioso e niente affatto scontato.

Sono perplesso.

Letture suggerite del 2 Aprile 2018

linklog-logo-transparent

Ok, oggi è Lunedì di Pasquetta e, almeno qui, il meteo è meraviglioso ed ideale per andare in giro. Ma se poi volessi rilassarti rientrato a casa ecco qui i classici 5 link che ho trovato di particolare interessa, tanto da meritare una segnalazione…